fbpx
Blog
Bonus bancomat, super cashback e bonus Pos contro l’evasione fiscale

Bonus bancomat, super cashback e bonus Pos contro l’evasione fiscale

Per contrastare l’evasione fiscale e incentivare l’uso della moneta elettronica il governo Conte ha realizzato un piano di incentivi che comprende il bonus bancomat e il super cashback. Vediamo insieme come funzionano.

Bonus bancomat

Per poter usufruire del bonus bancomat bisogna effettuare almeno 50 transazioni con la moneta elettronica entro sei mesi. Bisognerà spendere almeno 1.500 € entro il periodo che va dal 1° dicembre 2020 al 31 maggio 2021. Il bonus prevede il rimborso del 10% speso, quindi un importo massimo pari a 300 € ogni sei mesi.

Super cashback

Per incentivare i cittadini ad effettuare acquisti e spese con la moneta elettronica inoltre è previsto il super cashback, cioè un premio destinato ai primi 100.000 consumatori che effettuano più pagamenti elettronici in un anno. Il premio è pari a 3.000 € e non c’è una soglia minima di pagamenti perché vengono valutate solo il numero di operazioni effettuate con la moneta elettronica. Rientrano quindi anche le piccole spese.

Lo scopo di questo bonus è invogliare i consumatori ad effettuare i pagamenti presso tutti gli esercenti forniti di Pos e disincentivare l’utilizzo del contante.

Per verificare la classifica e la propria posizione bisognerà scaricare l’app IO. Per accedervi bisogna registrarsi attraverso lo Spid e inserire i dati personali e l’Iban o i codici delle carte con le quali si effettueranno gli acquisti.

Bonus Pos

Per gli esercenti e i commercianti è invece già attivo il bonus Pos, un credito di imposta pari al 30% delle commissioni bancarie e dei costi fissi sostenuti per il possesso e il pagamento tramite Pos. L’incentivo è destinato a tutti coloro che permettono ai consumatori di pagare tramite moneta elettronica.

Taglio commissioni per pagamenti con Pos

Per invogliare gli esercenti ad accettare pagamenti con bancomat, carte di credito e prepagate e non gravare sui costi da sostenere, il governo sta anche valutando l’azzeramento delle commissioni per gli acquisti fino ai 25 €. Per la conferma bisognerà attendere la legge di Bilancio 2021.

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email

Autore:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Il contenuto è protetto da copyright!