Categoria: Lavoro

Bonus contributi 2024 a chi spetta, importi e novità
Lavoro

Bonus contributi 2024: a chi spetta, importi e novità

Il governo ha confermato anche per il 2024 una delle misure ritenute più importanti per i lavoratori: il bonus contributi, cioè lo sgravio sulla quota di contributi previdenziali dei lavoratori dipendenti. Grazie a questa agevolazione coloro che percepiscono uno stipendio annuo inferiore a una certa soglia hanno diritto a una

Sgravio contributivo in busta paga
Lavoro

Sgravio contributivo in busta paga: arretrati e importi spettanti

L’INPS ha autorizzato l’aumento dello sgravio contributivo, da applicare alla quota contributi a carico del dipendente. Questo comporta un aumento dello stipendio netto a parità di lordo. Secondo quanto stabilito dal decreto Aiuti bis, lo sgravio contributivo dello 0,8% è aumentato al 2%. Lo sgravio durerà fino a dicembre 2022,

Aspettativa Retribuita ecco quali sono e come funzionano
Lavoro

Aspettativa Retribuita: ecco quali sono e come funzionano

Cosa succede quando un dipendente sospende momentaneamente la propria attività lavorativa per cause di forza maggiore? Chiede l’aspettativa retribuita. Il termine stesso intende un prolungato periodo in cui il lavoratore non lavora, mantenendo comunque il suo posto di lavoro, rinunciando però alla retribuzione, in quanto l’aspettativa “generalmente” non viene retribuita.

Bonus defiscalizzazione 2022 per Forze Armate e polizia
Lavoro

Bonus defiscalizzazione 2022 per Forze Armate e polizia

Il bonus defiscalizzazione è stato introdotto dal decreto sulla fiscalizzazione del 2017 per risanare la disuguaglianza economica data dalla cancellazione del bonus sicurezza. Dal febbraio 2022 le Forze dell’Ordine, con una fascia di reddito non elevata, hanno ricevuto in busta paga il corrispettivo di 609,50 euro. Vediamo nello specifico quali

Bonus Irpef 2022: ecco tutte le novità
Lavoro

Bonus Irpef 2022: ecco tutte le novità

La riforma fiscale ha apportato delle modiche al bonus Irpef 2022, chiamato anche trattamento integrativo e in precedenza bonus Renzi. La platea di coloro che percepiranno il bonus in busta paga a titolo di trattamento integrativo è quindi cambiata ed è cambiata anche la modalità di calcolo dell’importo spettante. Vediamo

Bonus 1.000 euro per i lavoratori fragili
Lavoro

Bonus 1.000 euro per i lavoratori fragili

Una delle novità della Legge di Bilancio è il bonus 1.000 euro per i lavoratori fragili in possesso di determinati requisiti. Il bonus mille euro, già esistente nel 2021, è entrato in vigore il primo di gennaio. Vediamo insieme cos’è il bonus 1.000 euro per i lavoratori fragili 2022, a

Super green pass
Lavoro

Super green pass: cosa cambia per i lavoratori

Dopo l’incontro con le regioni e la cabina di regia, il Consiglio dei ministri ha approvato nuove norme sul super green pass che ha ripercussioni su vari settori economici e per tutti i lavoratori. Le nuove regole entrano in vigore dal 6 dicembre e rimangono valide fino al 15 gennaio

Ricezione Green Pass in ritardo
Lavoro

Ricezione green pass in ritardo: si può accedere ai luoghi di lavoro?

Capita a molti lavoratori di ricevere il green pass in ritardo nonostante aver fatto le dosi del vaccino o il tampone. I lavoratori hanno l’obbligo di avere il passaporto verde per poter accedere nei luoghi di lavoro, allora è importante capire come comportarsi in caso di ricezione del green pass

Green Pass obbligatorio: ultime novità sui controlli
Lavoro

Green Pass obbligatorio: ultime novità sui controlli

Per lavorare nel settore privato è necessario il Green Pass obbligatorio ma la novità per quanto riguarda i controlli è che si può saltare il controllo quotidiano del passaporto verde prima di entrare nel luogo di lavoro. Questa novità arriva dal decreto legge 127 del 21 settembre 2021, che ha

congedo straordinario retribuito
Lavoro

Come funziona il congedo straordinario retribuito?

Il congedo straordinario retribuito è uno strumento che consente ai lavoratori dipendenti di assentarsi dal posto di lavoro per assistere i propri familiari con disabilità. Il nostro ordinamento prevede questo strumento per una durata massima di due anni dell’intera carriera lavorativa. Vediamo insieme a chi spetta, quali sono i requisiti