fbpx
Blog
Cessione del quinto della pensione Enasarco

Cessione del quinto della pensione Enasarco

La cessione del quinto della pensione non è dedicata solo ai pensionati ex lavoratori dipendenti del settore statale, pubblico e privato. È infatti accessibile anche ai pensionati Enasarco, cioè coloro che, prima del pensionamento, hanno svolto attività lavorativa come agenti e rappresentanti di commercio.

Vediamo insieme cos’è la cessione del quinto della pensione Enasarco, chi può accedervi e come richiederla.

Cos’è la cessione del quinto della pensione Enasarco

La cessione del quinto della pensione Enasarco è un particolare prestito agevolato dedicato ai pensionati della Fondazione Enasarco.

Proprio come per la cessione del quinto della pensione, le rate sono a tasso fisso e vengono trattenute ogni mese direttamente dalla pensione. L’importo delle rate non può superare un quinto della pensione netta percepita, cioè il 20% e può essere rimborsato in un arco temporale di dieci anni massimo.

Può essere rinnovata e per richiederla non è necessario presentare alcuna garanzia come, ad esempio, un garante. Inoltre, la polizza assicurativa sulla vita tutela gli eredi in caso di gravi eventi inattesi.

Da chi può essere richiesto il quinto della pensione Enasarco

Il quinto della pensione Enasarco può essere richiesto dai pensionati Enasarco, anche con situazioni particolari. In particolare:

Come richiedere la cessione del quinto della pensione Enasarco

A tutela del pensionato, per poterla richiedere bisogna percepire una pensione minima con importo netto pari a 513,01 €.

Per poter accedere alla cessione del quinto Enasarco bisogna fare richiesta a un istituto finanziario iscritto all’albo degli intermediari finanziari nell’elenco generale previsto dall’art. 106 del Decreto Legislativo 385/1993 e convenzionato con la Fondazione Enasarco.

Hai bisogno di una cessione del quinto della pensione Enasarco? Noi siamo in convenzione! Richiedi subito un preventivo gratuito e scopri i nostri tassi agevolati!

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email

Autore:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Il contenuto è protetto da copyright!