Cessione del Quinto dello stipendio

La Cessione del Quinto dello stipendio è un particolare finanziamento non finalizzato, a tasso fisso e rimborsato con rate mensili trattenute direttamente dal netto della busta paga dal datore di lavoro. È proprio il datore di lavoro a versare le rate all’Istituto di Credito che ha erogato la Cessione, fino all’estinzione del prestito.
La Cessione del Quinto dello stipendio non può mai superare il 20% al netto della busta paga, cioè un quinto dello stipendio stesso e può avere una durata massima pari a 10 anni.

cessione del quinto

Chi può richiedere la Cessione del Quinto dello stipendio?

La Cessione del Quinto dello stipendio può essere richiesta da tutti i lavoratori dipendenti pubblici, statali e dipendenti di aziende private (sas, srl, snc, spa etc.) con un contratto di lavoro a tempo indeterminato e con almeno 18 anni di età.
Anche i dipendenti con contratto a tempo determinato possono richiedere la Cessione del Quinto dello stipendio ma in questo caso la durata del finanziamento non dovrà superare il termine del contratto.
Anche chi è stato assunto da poco con contratto a tempo indeterminato può richiedere la Cessione del Quinto, purché l’importo richiesto non sia elevato e l’azienda sia di dimensioni medio-grandi.

Chi non può richiedere la Cessione del Quinto dello stipendio?

La Cessione del Quinto dello stipendio è riservata solo ai lavoratori dipendenti quindi i lavoratori autonomi e i disoccupati non possono richiederla. I pensionati non possono accedermi nemmeno ma possono richiedere la Cessione del Quinto della pensione.

Qual è l’importo massimo finanziabile con la Cessione del Quinto dello stipendio?

Il massimo finanziabile non è uguale per tutti ma è determinato dalla liquidazione maturata (TFR) e dallo stipendio netto percepito mensilmente.

Qual è la durata massima della Cessione del Quinto dello stipendio?

La Cessione del Quinto dello stipendio ha durata minima di 24 mesi fino ad un massimo di 10 anni.

Chi è protestato o segnalato presso una centrale rischi o banca dati può richiedere la Cessione del Quinto dello stipendio?

Uno dei vantaggi della Cessione del Quinto dello stipendio è proprio quello di poter essere richiesta anche in caso di segnalazioni negative al CRIF o protesti. È quindi la soluzione ideale per tutti coloro che non riescono ad ottenere altri prestiti perché risultano segnalati presso le centrali rischi o le banche dati.

Bisogna presentare delle garanzie per richiedere la Cessione del Quinto dello stipendio?

La Cessione del Quinto dello stipendio è un prestito a firma singola. Ciò significa che per richiederla non sono necessari garanti, fideiussioni o ipoteche, perché il TFR e lo stipendio fungono da garanzia.
Inoltre, nella stipula della Cessione del Quinto è compresa una polizza assicurativa che garantisce il rimborso anche in caso di spiacevoli eventi inattesi come malattie o perdita del lavoro.

È possibile l’estinzione anticipata della Cessione del Quinto dello stipendio?

È possibile estinguere anticipatamente la Cessione del Quinto dello stipendio. I dettagli su come estinguerla anticipatamente sono definiti nel contratto firmato al momento della richiesta. È bene quindi leggere sempre tutte le clausole prima di accettare e firmare il contratto.

Cessione del Quinto della pensione e consolidamento debiti: è possibile?

Se in corso sono presenti diversi finanziamenti, con la Cessione del Quinto dello stipendio è possibile effettuare un consolidamento dei debiti, cioè le rate mensili di tutti i prestiti in corso vengono unificate in un’unica rata in cui è possibile concordare l’importo mensile e la durata della Cessione, rendendo quindi la rata mensile più bassa rispetto all’importo totale delle precedenti.

Quali documenti bisogna presentare per richiedere la Cessione del Quinto dello stipendio?

Per richiedere la Cessione del Quinto dello stipendio è necessaria la copia di un documento di riconoscimento, tessera sanitaria, CUD e ultima busta paga.

È possibile rinnovare la Cessione del Quinto dello stipendio?

La Cessione del Quinto dello stipendio è rinnovabile dal momento in cui sono trascorsi almeno i 2/5 del periodo di rimborso stabilito.
Se invece la Cessione del Quinto è inferiore ai 5 anni, è possibile rinnovarla anche prima ma solo se il richiedente stipula una nuova cessione della durata di 10 anni.

Qual è la differenza tra un prestito tradizionale e la cessione del quinto dello stipendio?

Il prestito tradizionale può essere richiesto da tutti coloro in possesso di un reddito dimostrabile, la rata viene saldata mensilmente dal contraente del prestito direttamente all’Istituto di Credito e il richiedente non può accedere al prestito se è stato segnalato come cattivo pagatore o protestato.
La Cessione del Quinto dello stipendio invece può essere richiesta solo dai dipendenti pubblici, statali e privati, la rata mensile viene trattenuta dal datore di lavoro direttamente dalla busta paga del contraente per saldare mensilmente la rata all’Istituto di Credito, i tassi di interesse sono più bassi, le somme richiedibili possono essere maggiori rispetto ai finanziamenti tradizionali e può essere richiesta anche da tutti coloro segnalati come cattivi pagatori o protestati.

Hai bisogno di un prestito personale e non sai a chi affidarti?

Articoli correlati:

Caf e Patronato cosa sono e a cosa servono
Lavoro

Caf e Patronato: cosa sono e a cosa servono?

I Caf e i Patronati sono spesso necessari per aiutare i cittadini nella compilazione di pratiche fiscali, indennità, bonus, agevolazioni, pratiche comunali, assistenza, consulenza e