Blog
Maternità anticipata ecco chi ne ha diritto e come richiederla

Maternità anticipata: ecco chi ne ha diritto e come richiederla

La maternità è un diritto che spetta a tutte le donne lavoratrici in gravidanza. Solitamente il congedo di maternità spetta per cinque mesi e, da quest’anno, le future mamme possono decidere anche se lavorare fino al nono mese e usufruire dei mesi spettanti dal momento della nascita o durante la gravidanza.

Congedo di maternità 2019: novità astensione e lavoratrici autonome

In alcuni casi è però possibile andare in maternità prima. Vediamo insieme tutti i dettagli su cos’è la maternità anticipata, a chi spetta, gli importi e come richiederla.

Cos’è la maternità anticipata

La maternità anticipata è un diritto che spetta alle donne in gravidanza che, per diversi motivi, sono costrette a smettere di lavorare prima del periodo previsto dal congedo di maternità obbligatorio.

È quindi possibile andare in maternità anticipata se la donna incinta:

  • È in stato di gravidanza a rischio o sono presenti delle complicazioni;
  • Svolge lavori pesanti, pericolosi e faticosi;
  • Sul luogo di lavoro sono presenti rischi per la salute propria e del neonato.

A chi spetta la maternità anticipata

La maternità anticipata spetta a:

  • Lavoratrici dipendenti;
  • Lavoratrici autonome iscritte alla gestione dell’INPS;
  • Lavoratrici a domicilio;
  • Lavoratrici che svolgono attività socialmente utili o di pubblica utilità;
  • Madri disoccupate o sospese da meno di 60 giorni.

Importi maternità anticipata

Anche per la maternità anticipata, la lavoratrice avrà diritto a percepire una retribuzione pari all’80% erogata dall’Inps e il 20% restante integrata dal datore di lavoro.

Come richiedere la maternità anticipata

Per poter richiedere la maternità anticipata la donna incinta deve presentare la seguente documentazione al datore di lavoro e alla Direzione Provinciale del Lavoro:

  • Certificato di gravidanza;
  • Documentazione attestante la gravidanza a rischio;
  • Documento di riconoscimento.

Dopo aver presentato i documenti, la Asl certifica l’effettivo stato di gravidanza a rischio e, assieme alla Direzione Territoriale del Lavoro, stabilisce se la donna ne ha diritto. 

Anche se la lavoratrice è in maternità anticipata, dovrà comunque presentare domanda per il congedo obbligatorio.

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email

Autore:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *