fbpx
Blog

Ecco tutte le misure restrittive del nuovo Decreto di novembre

Ecco tutte le misure restrittive del nuovo Decreto di novembre

A partire da domani, 6 novembre 2020, entra in vigore il nuovo Decreto con le misure restrittive stabilite dal governo per cercare di contenere l’elevato aumento di contagi da Covid. L’Italia è stata suddivisa in tre fasce, rossa, arancione e gialla, nelle quali rientrano le regioni a seconda della gravità della situazione epidemiologica, in relazione anche alla criticità delle terapie intensive.

Vediamo insieme quali sono le misure restrittive adottate fino al 3 dicembre 2020.

Restrizioni Decreto zone rosse

Il Decreto prevede le seguenti restrizioni all’interno delle zone rosse:

  • È vietato spostarsi dalla regione, dal proprio comune e all’interno dello stesso comune, ad eccezione di motivi di lavoro, salute, comprovate necessità e svolgimento di didattica. È quindi possibile accompagnare i figli a scuola;
  • Solo le scuole dell’infanzia, elementari e prime medie possono svolgere didattica in presenza;
  • I negozi al dettaglio sono chiusi, ad eccezione degli alimentari, farmacie, parafarmacie, tabaccai, edicole, lavanderie, parrucchieri e barbieri;
  • È possibile svolgere attività sportiva e fare passeggiate solo in prossimità della propria abitazione, rispettando sempre la distanza di un metro e indossando la mascherina;
  • Sospese tutte le competizioni sportive, ad eccezione di quelle di interesse nazionale riconosciute dal Coni e dal Cip;
  • Bar, ristoranti, pub, gelaterie e pasticcerie chiusi. È possibile la consegna a domicilio e il servizio d’asporto solo fino alle ore 22:00;
  • Chiusi musei, mostre, palestre, teatri, cinema, sale giochi, sale scommesse, bingo;
  • Mezzi di trasporto pubblici con riempimento fino al 50%.

Restrizioni Decreto zone arancioni

Il Decreto prevede le seguenti restrizioni all’interno delle zone arancioni:

  • Vietato circolare dalle ore 22:00 alle ore 05:00, ad eccezione di comprovati motivi di salute, lavoro e necessità;
  • Vietato uscire dalla propria regione e dal proprio comune, salvo che per comprovati motivi di lavoro, salute e necessità. Evitare spostamenti non necessari all’interno del proprio comune;
  • Centri commerciali chiusi tutti i giorni, ad eccezione dei supermercati, farmacie, parafarmacie, tabaccai ed edicole all’interno di essi;
  • Bar, ristoranti, pub, gelaterie e pasticcerie chiusi, ad eccezione di mense e catering. Rimane possibile la consegna a domicilio e il servizio d’asporto solo fino alle ore 22:00;
  • Chiusura di musei e mostre, teatri, cinema, piscine e palestre. Aperti i centri sportivi;
  • Solo le scuole dell’infanzia, elementari e medie possono svolgere didattica in presenza. Le università possono svolgere solo alcune attività in presenza per le matricole e per i laboratori;
  • Chiuse sale giochi, bingo, scommesse e slot machine;
  • Mezzi di trasporto pubblici con riempimento fino al 50%.

Restrizioni Decreto zone gialle

Il Decreto prevede le seguenti restrizioni all’interno delle zone gialle:

  • Vietato circolare dalle ore 22:00 alle ore 05:00, ad eccezione di comprovati motivi di salute, lavoro e necessità;
  • Centri commerciali chiusi nei festivi e prefestivi, ad eccezione dei supermercati, farmacie, parafarmacie, tabaccai ed edicole all’interno di essi;
  • Solo le scuole dell’infanzia, elementari e medie possono svolgere didattica in presenza, ad eccezione degli studenti con disabilità e in caso di utilizzo dei laboratori. Le università possono svolgere solo alcune attività in presenza solo per le matricole e per i laboratori;
  • Chiuse sale giochi, bingo, scommesse e slot machine;
  • Chiusi teatri, cinema, piscine e palestre. Aperti i centri sportivi;
  • Bar e ristoranti devono chiudere alle ore 18:00 ma possono effettuare l’asporto fino alle ore 22:00 e consegna a domicilio senza restrizioni;
  • Mezzi di trasporto pubblici con riempimento fino al 50%.

Quando è obbligatoria l’autocertificazione

Nelle zone gialle e arancioni è necessario avere l’autocertificazione per giustificare gli spostamenti dalle ore 22:00 alle ore 05:00, mentre nelle zone rosse bisogna averla sempre con sé. Coloro che non riescono a dimostrare l’effettiva necessità dello spostamento rischiano multe e denunce.

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email

Autore:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Il contenuto è protetto da copyright.