Blog

Modulo Secci: la trasparenza dei prestiti in un documento

A volte, quando si fa richiesta per un finanziamento, capita di accettare con leggerezza la prima proposta che sembra davvero conveniente, forse fin troppo. E proprio a causa di questa leggerezza, si rischia di imbattersi in prestiti che sembrano vantaggiosi ma che di fatto non lo sono. Proprio per questo motivo il Decreto legislativo 141/2010 ha reso obbligatoria la consegna del modulo Secci, da parte di banche e istituti di credito, per la tutela del consumatore e per la trasparenza informativa. Ma cos’è il modulo Secci e a cosa serve? Vediamolo insieme.

Cos’è il modulo Secci

Il modulo Secci, acronimo di Standard European Consumer Credit Information, detto anche Iebcc, acronimo di Informazioni Europee di Base per il Credito ai Consumatori, è un modulo informativo che banche e istituti di credito sono obbligati a fornire a tutti coloro che richiedono una qualsiasi tipologia di finanziamento.

A cosa serve il modulo Secci

Il modulo Secci è un documento in cui sono presenti tutte le informazioni precontrattuali di base riguardanti il finanziamento. Il contenuto del modulo è imposto dal decreto legislativo al fine di tutelare il consumatore e garantire la trasparenza informativa. Queste informazioni devono rispettare le regole dello standard europeo riguardo le informazioni europee di base per il credito ai consumatori.

Il modulo Secci quindi permette ai consumatori di poter verificare, prima della sottoscrizione, l’effettiva convenienza del prestito, senza rischiare di ritrovarsi ad aver stipulato un contratto di finanziamento diverso da ciò che l’istituto di credito ha proposto.

Quali informazioni contiene il modulo Secci

Il modulo Secci è strutturato in quattro sezioni.

La prima sezione contiene:

  • dati della banca o dell’istituto di credito erogatore;
  • tipologia di contratto di credito;
  • importo totale erogato;
  • durata del contratto;
  • condizioni di utilizzo;
  • finalità del prestito;
  • numero e ammontare delle rate;
  • eventuali garanzie aggiuntive necessarie.

La seconda sezione contiene:

La terza sezione contiene:

  • diritti dei consumatori;
  • diritto di recesso;
  • diritto al rimborso anticipato;
  • tassi degli interessi di mora sui ritardi accumulati nei pagamenti;
  • conseguenze previste in caso di mancato pagamento delle rate.

L’ultima sezione contiene:

  • modalità di stipula del contratto;
  • condizioni di offerta generali o personalizzate;
  • informazioni aggiuntive.

Hai bisogno di un finanziamento o di una cessione del quinto? Richiedi subito un preventivo gratuito online!

Condividi questo articolo:

Facebook
Google+
Twitter
LinkedIn
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *