Blog

Visita fiscale 2018 dipendenti pubblici e privati: orari e regolamento

Nella regolamentazione delle visite fiscali 2018 sono subentrate importanti novità: maggiori controlli e un sistema di comunicazione immediato per accertare efficacemente le assenze per malattia dal luogo di lavoro dei dipendenti pubblici e statali.

Cosa deve fare il dipendente ammalato?

Per prima cosa, il lavoratore ammalato deve inviare al datore di lavoro il certificato medico per comunicare il motivo della sua assenza. Il medico di base inoltrerà all’INPS il certificato, mentre il lavoratore dovrà inviarne una copia al datore di lavoro.

L’invio del certificato medico autorizza il datore di lavoro a sottoporre il dipendente, tramite medico fiscale INPS, alla visita fiscale per accertare se effettivamente è ammalato o meno, ma soltanto in determinati orari stabiliti dalla legge. La visita fiscale può essere disposta non solo dal datore di lavoro ma anche dall’INPS.

Per quanto riguarda i giorni, invece, a partire dal 2018 il lavoratore può ricevere la visita fiscale sempre, inclusi festivi e giorni di riposo, senza distinzione e può essere effettuata a partire dal primo giorno di malattia, più volte e durante tutto il periodo in cui il lavoratore è in malattia.

Vediamo quali sono le fasce orarie in cui i dipendenti pubblici e privati devono rendersi reperibili.

Orari reperibilità dipendenti pubblici e statali

Gli orari di reperibilità 2018 per i dipendenti pubblici e statali sono i seguenti:

Mattina dalle ore 9.00 alle ore 13.00;

Pomeriggio dalle ore 15.00 alle ore 18.00.

I dipendenti pubblici e statali che si assentano spesso di venerdì o poco prima dei festivi e del weekend sono soggetti maggiormente a visita fiscale per verificare se effettivamente il lavoratore sta male o si tratta di assenteismo.

Orari reperibilità dipendenti privati visita fiscale 2018

Gli orari di reperibilità 2018 per i dipendenti privati sono i seguenti:

Mattina dalle ore 10.00 alle ore 12.00;

Pomeriggio dalle ore 17.00 alle ore 19.00.

Anche i dipendenti privati sono sottoposti alla stessa normativa di quelli pubblici, l’unica differenza sono gli orari di reperibilità.

Sanzioni per mancata reperibilità visita fiscale 2018

I lavoratori, pubblici e privati, che risultano assenti dal loro domicilio durante la visita fiscale sono soggetti a sanzione per assenza ingiustificata. Tale sanzione incorre nella detrazione del 100% della retribuzione per i primi dieci giorni di malattia e del 50% dall’undicesimo giorno in poi. Il dipendente però ha l’opportunità di dare, entro quindici giorni, una giustificazione valida per l’assenza. La giustificazione, in ogni caso, deve rientrare tra le motivazioni valide per l’esenzione dalla visita fiscale, anch’esse regolamentate dalla legge.

Quando il dipendente è assente al momento della visita fiscale, viene invitato ad effettuare la visita presso l’ambulatorio dell’ufficio medico legale dell’INPS. L’assenza viene comunque comunicata al datore di lavoro.

Esenzioni visita fiscale 2018

Esistono, come abbiamo appena visto, alcuni casi in cui l’esenzione dalla visita fiscale o l’assenza durante le ore di reperibilità per i dipendenti è giustificata, ma la motivazione deve essere sempre comunicata al datore di lavoro e non deve mai influenzare la salute e la guarigione del dipendente.

Queste esenzioni sono valide sia per i dipendenti pubblici che per quelli privati. Ecco quali sono:

  • Visite mediche e accertamenti specialistici,
  • Prestazioni mediche dovute alla malattia in corso e cure salvavita,
  • Infortunio sul lavoro,
  • Malattia professionale INAIL,
  • Assenza dovuta a cause di forza maggiore,
  • Acquisto di farmaci,
  • Situazioni che hanno reso necessaria l’immediata presenza del lavoratore altrove,
  • Stati patologici connessi all’invalidità pari o superiore al 67%,
  • Visita a parenti in ospedale,
  • Attività di volontariato non influenti sulla salute del dipendente.

In caso di assenza senza previa comunicazione al datore di lavoro, l’esenzione da visita fiscale, per essere valida, deve poter essere dimostrabile.

Condividi questo articolo:

Facebook
Google+
Twitter
LinkedIn
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *